La foto del giorno – 12 settembre

Oggi l’attenzione è tutta per loro: il Principe Amedeo del Belgio, il maggiore – e finora anche il più bello – dei nipoti della nostra Paola, e la moglie Elisabetta (italiana anche lei) sono felici di presentare il figlio Maximillian, nato venerdì sera a Bruxelles. maximillian belgiumIn braccio alla mamma – che tradisce ancora un po’ di comprensibile stanchezza – la sorella maggiore Anna Astrid, graziosissima nonostante i capelli alla paggetta (come si diceva ai miei tempi), versione elegante del classico taglio con la scodella, probabilmente un po’ perplessa dall’arrivo dell’intruso. Il quale, tra le braccia di papà, non sembra particolarmente interessato alla suo primo momento ufficiale e se la dorme della grossa, che se fosse la sua attività preferita sarebbe una vera benedizione per i genitori. Un giorno il pupetto sarà a capo degli Asburgo Este, ramo cadetto della casata Asburgo Lorena, per ora sogni d’oro!

Le foto del giorno – 7 settembre

Ieri i Principi di Monaco con i loro due bambini hanno partecipato a U Cavagnëtu  il  tradizionale picnic di fine estate che si tiene al Parc Princesse Antoinette, dove i sovrani incontrano i Monegaschi in una piacevole atmosfera conviviale. monaco picnicDeliziose le bambine nel grazioso costume tipico con la gonna a righe bianche e rosse, i colori del Principato; versione sobria dello stile bollywood per Charlène, in un insieme caftano e pantaloni molto bello, ma magari un po’ eccessivo per l’occasione (però i pantaloni seduti per terra assolutamente no). monaco picnic 2Veramente mozzafiato Albert, e non mi dite che non vi si è fermato il respiro alla sua vista; guardando i sul’orlo dei suoi pantaloni, ho capito che i sarti di Palazzo devono esse ancora in ferie, speriamo che rientrino rapidamente.

Quanto ai gemelli, Jacques sembra un po’ innervosito (comprensibile, in fondo non ha neanche cinque anni), più a suo agio Gabriella, con prendisole da spiaggia; io questa cosa dei genitori in maniche lunghe e dei figli sbracciati faccio un po’ fatica a comprenderla, sarà un limite mio. I principini sono simpatici, disinvolti e molto affettuosi, ma il modo in cui li vestono non mi piace quasi mai; in questo caso adoro i mocassini “da grande” di Jacques, ma detesto i completini firmatissimi da fighetti che spesso indossano. A me piacciono i bambini vestiti da bambini – lo so, sono un po’ old style – i pupetti griffati sono una cosa che veramente non sopporto.

E restando in tema bambini, la Corte belga ha annunciato la nascita di un maschietto, figlio di Amedeo – primogenito della principessa Astrid e maggiore tra i nipoti della regina Paola – e  della moglie Elisabetta Maria Rosboch von Wolkenstein, che ad onta del notevole nome teutonico è italiana. La coppia si è sposata a Roma cinque anni fa, e ha già una bambina. Il piccolo è venuto alla luce ieri sera a Bruxelles; ancora qualche ora e avrebbe diviso il giorno di nascita col prozio re Baldovino, che oggi avrebbe compiuto 89 anni. Non conosciamo ancora il suo nome, ma sappiamo che un giorno sarà il capo della Casa Asburgo Este.

Il Battesimo di Archie

I nostri desideri sono stati esauditi, e due foto del battesimo di Archie sono state pubblicate.

archie christening

(Ph. Chris Allerton /©️SussexRoyal)

La prima è quella classica con la famiglia: il piccolo festeggiato indossa la replica – realizzata da Angela Kelly nel 2004 – della veste battesimale fatta realizzare da Queen Victoria per la prima figlia; l’originale non viene più usata a causa della sua delicatezza. Se ne sta tranquillo tra le braccia della mamma, in bianco, una scelta che a me piace sempre molto per i battesimi (l’abito è Dior); mi piace meno il cappello a zucchetto, ma sono certa che avremo occasione di riparlarne. Grigio chiaro per papà Harry, con l’immancabile paio di scarpe scamosciate, per di più marroni; insomma, l’abbiamo sempre detto che non ha ripreso lo chic del padre (e manco del nonno). Bianco anche per Camilla; la scelta del cappello, meno ampio del solito, è perfetta per il tono, semplice e privato, della cerimonia. Rosa per Catherine, uno Stella McCartney che risale addirittura a dieci anni fa; in mezzo ci sono un royal wedding e tre figli, per cui complimenti a lei che può indossarlo ancora – e glielo abbiamo visto più di una volta – anche se francamente io l’avrei lasciato nell’armadio un altro decennio. Raffinato l’accostamento con l’amaranto delle scarpe e del bandeau. Nonna Doria in rosa anche lei, ma avrei evitato quel cappello che ricorda un turbante e sottolinea la sua etnia; peccato, perché il colore le sta divinamente. In blu nonno e zio, e a sorpresa vediamo le due signore in piedi; sono Lady Sarah McCorquodale (accanto a William) e Lady Jane Fellowes (al centro), cioè le due sorelle di Diana, la nonna che non c’è ma è come se ci fosse.

archie christening 2

(Ph. Chris Allerton /©️SussexRoyal)

Bellissima la seconda foto, in bianco e nero, solo loro tre. Splendidi.

La foto del giorno – 6 luglio

Oggi compie due mesi, e finalmente lo conosciamo.

archie christening 3

(Ph. Chris Allerton /©️SussexRoyal)

Questo è Archie Harrison Mountbatten-Windsor, nel giorno del suo battesimo.

A un primo sguardo direi che somiglia alla mamma, anche perché ha gli occhi scuri. La forma degli occhi però sembra simile a quella del papà, e direi proprio che capelli e sopracciglia sono rossastri. Delizioso; ora non ci resta che attendere di vederlo crescere.

Il battesimo di Archie

Sabato prossimo, 6 luglio, il piccolo Archie (scusate, non ce la fo a chiamarlo anche Harrison) compirà due mesi, e sarà battezzato nella cappella privata del Castello Windsor. archieSarà un evento privato, alla presenza dei nonni, immaginiamo anche degli zii Cambridge (coi cuginetti? speriamo!), e naturalmente dei padrini, i cui nomi non sono stati resi noti. La scelta è probabilmente caduta su amici dei genitori, magari la dea del tennis, Serena Williams. Nulla si sa di una eventuale presenza della bisnonna sovrana, il cui ultimo impegno scozzese per la Holyrood Week è fissato per il 4 luglio e sabato dovrebbe essere rientrata a Windsor, ma ignoriamo se ci sarà anche lei, considerando che l’anno scorso non partecipò al battesimo di Louis. A questo punto non ci resta che aspettare pochi giorni, e speriamo di vedere finalmente Archie in tutto il suo tenero splendore, non senza avere tirato un sospiro di sollievo per aver evitato di sovrapporre la data del battesimo con quella dell’Independence Day, dato che molti rumors parlavano proprio del 4 luglio.

La foto del giorno – 21 giugno

Oggi William compie 37 anni, e l’account twitter dei Duchi di Cambridge lo festeggia con questa foto – francamente non mi sembra una delle più riuscite – che lo ritrae in quello che sembrerebbe un viaggio in Africa, continente che ama quanto il fratello minore.IMG_20190621_122515L’account del Principe di Galles invece fa una scelta più sentimentale: padre e figlio in giardino, a Kensington Palace, nel 1984, quando il duenne William salutò l’arrivo di Harry. Confesso che ciò che mi dà più il senso del tempo che è passato è Charles, impeccabile in doppio petto anche per giocare in giardino col suo bambino. IMG_20190621_122939Il futuro re nacque di sera, alle 21.03 per la precisione, e siccome non c’erano i social noi in Italia lo sapemmo il giorno dopo. All’epoca io stavo seguendo il corso da Infermiera Volontaria di Croce Rossa, e in quei giorni ero in Pediatria all’ospedale San Camillo di Roma, un reparto dedicato alla cardiochirurgia pediatrica; pensare a quel bambino che nasceva sotto i migliori auspici e subito dopo accudire altri bambini che soffrivano mi fece uno strano effetto, ma per fortuna quei bambini guarirono tutti – tranne uno, Andrea, che non ho mai dimenticato – avranno fatto la loro vita, avranno le loro famiglie, i loro bambini. e sappiamo che anche la vita di William non è stata immune dalla sofferenza, come per tutti su questa terra. william diana charlesLo vedemmo poco dopo, tra le braccia della giovanissima mamma, il padre commosso e un po’ imbarazzato. Poi sapemmo che che si sarebbe chiamato William – e Arthur Philip Louis – in memoria di un cugino del padre, il primogenito del Duca di Gloucester, morto tragicamente dieci anni prima (la sua storia la trovate qui A Royal Calendar – 28 agosto 1972 ).

Non sappiamo se festeggerà il compleanno in famiglia o magari con una capatina ad Ascot, ma i nostri auguri glieli facciamo di cuore.

La foto del giorno – 18 maggio

Per la foto del giorno restiamo tra i Windsor, in particolare tra i Mountbatten-Windsor, dato che è stato diffuso l’atto di nascita di Baby Sussex, da cui si evince in maniera definitiva e inequivocabile che a) il nome è proprio Archie e non Archibald, oltre al famigerato Harrison e b) la nascita è avvenuta al Portland Hospital, clinica privata nel centro di Londra dove sono nate entrambe le principesse York, oltre ai figli di Lady Sarah Chatto (cioè i nipoti della defunta principessa Margaret) più vari piccoli vip in ordine sparso. archie birth certificateOra speriamo che il pupetto crescendo voglia usare il primo nome e non imitare mammà che al sobrio Rachel preferisce il middle name Meghan, perché un principe Harrison sarebbe troppo per chiunque, figuriamoci per noi.

Mamme piedini e fiori

Nel Regno Unito la festa della mamma è l’ultima domenica di marzo, ma Meghan è americana, il che  le ha consentito di festeggiare oggi la recentissima maternità, e ha fatto bene, sennò avrebbe dovuto aspettare quasi un anno. archie feet

La fotografia per fare gli auguri alle mamme di tutti i paesi in cui si festeggia oggi, compresi gli USA, è un piccolo capolavoro: in primo piano i piedini di Archie sorretti dalla mano di mamma Meghan, e sullo sfondo un cespuglio di fiori azzurri, i non ti scordar di me (in inglese forget-me-not) che erano i preferiti di Diana.

Il tutto pubblicato sull’account Instagram dei Duchi di Sussex, con questo messaggio: “Paying tribute to all mothers today – past, present, mothers-to-be, and those lost but forever remembered. We honor and celebrate each and every one of you”.

Buckingham Palace ha confermato che la foto ritrae proprio i piedini di Archie, e i fan si sono scatenati all’idea che il post sia stato scritto direttamente dalla duchessa leggendo la parola honor scritta secondo lo spelling americano, visto che nel British English la corretta grafia sarebbe honour.

Da parte nostra osserviamo con piacere la bella copertina candida che avvolge il pupetto; naturalmente non è fatta a mano, ma certe raffinate sfumature ormai si vedono di rado. A tal proposito Lady Violet, che è un’avida tricoteuse, lenta ma accanita direbbe qualcuno, invita chiunque di voi, non solo le future mamme zie o nonne, a riprendere in mano ferri e gomitoli: la creatività segue molti fili!

Le foto del giorno – 8 maggio

Eccolo! baby-sussexTra le braccia di papà, in uno dei suoi completini con scarpette scamosciate, ma al colmo della felicità, che poi è quello che conta.sussex-paMamma ancora un po’ provata ma giustamente felice e soddisfatta, pure lei sui tacchi alti che aveva criticato nella cognata (ragazze, andavano bene pure le ballerine stile Diana).

in bianco Givenchy, come il pupetto, tutto in bianco pure lui. Ora uscite il nome!sussexes-e