La foto del giorno – Capaci, 29 anni fa

Sabato 23 maggio 1992 il giudice Giovani Falcone e sua moglie Francesca Morvillo rientrano da Roma a Palermo per il weekend. Arrivati all’aeroporto di Punta Raisi (oggi intitolato a Falcone e Borsellino) salgono a bordo di una croma bianca e imboccano l’autostrada per raggiungere la città; il giudice è alla guida, sua moglie accanto a lui. Hanno due auto di scorta: una li precede e una li segue Alle 17:58 il mafioso Giovanni Brusca aziona un comando a distanza che causa lo scoppio di un ordigno posto sotto il manto stradale, all’altezza dello svincolo di Capaci. Gli occupanti della prima auto – Vito Schifani, 27 anni; Antonio Montanaro, 29; Rocco Dicillo, 30 – muoiono sul colpo; Giovanni Falcone, 53 anni, e Francesca Morvillo, 47, moriranno più tardi in ospedale per le ferite riportate. Lei è l’unica donna magistrato uccisa in Italia, morta per dovere e per amore.

La tragedia sconvolge l’Italia e gli Italiani, e supera i confini nazionali; sovrani e capi di Stato dai quattro angoli del globo si affrettano a inviare messaggi di cordoglio e solidarietà al nostro Paese.

(Ph: Alamy)

Giovedì 28 maggio accade ciò che nessuno si aspetta: Sua Maestà la Regina Elizabeth II accompagnata dal principe Philip deve raggiungere Malta per una visita di due giorni, ma decide di fare una sosta – annunciata appena poche ore prima – per rendere omaggio alle vittime della strage. La sovrana compare sulla scaletta dell’aereo reale alle 14:30, da qui una lunga teoria di auto accompagna la coppia sul luogo della strage. La visita dura solo dieci minuti, poi la regina e il consorte raggiungono il porto di Palermo dove li attende il Royal Yacth Britannia per portarli a Malta.

Una breve preghiera, gli occhi azzurri che guardano increduli l’orrore, e quelle due parole espresse a bassa voce: incredible, incredible.

Elizabeth è il primo capo di Stato straniero a raggiungere Capaci per rendere omaggio ai caduti.

Un gesto, per me, indimenticabile.

10 pensieri su “La foto del giorno – Capaci, 29 anni fa

  1. Non conoscevo questo episodio. Quanto deve averla colpita questa strage per farle decidere di fermarsi a Capaci. Onore a lei per il gesto. E grazie a te per averlo riportato anche per chi, come me, non lo conosceva. Grazie al tuo post ho fatto una breve ricerca e ho trovato un vecchio articolo di Repubblica, proprio sulla breve sosta della regina. https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1992/05/28/per-falcone-inchino-della-regina.html

    "Mi piace"

    • Ricordo che all’epoca mi colpì molto, fu un gesto profondo e straordinario. E per fortuna oggi il web ci aiuta a recuperare parti della nostra storia.

      "Mi piace"

  2. Mi ricordo di avere visto la notizia al telegiornale.
    E mi ricordo perfettamente di avere notato lo sguardo “sgomento” della Regina di fronte a tanta violenza.
    Mi aveva molto colpito che lasciasse trasparire dei sentimenti in pubblico. Evidentemente quello che vedeva era terribile…

    "Mi piace"

    • Sì, anch’io la ricordo molto impressionata. D’altro canto, anche se le auto distrutte erano state rimosse il giorno prima, la scena sembrava veramente l’inferno.

      "Mi piace"

  3. Credo che ciascuno di noi ricordi dove si trovasse quando fu data la notizia di quella strage alla quale ciascuno di noi associa,automaticamente,con sgomento,l’altra che di lì a poco sarebbe avvenuta,sì,quella del giudice Paolo Borsellino e la sua scorta,che ebbe a dire: ’Ora tocca a me’.
    Credo che ciascuno di noi abbia in mente le foto,di rara potenza espressiva e tragicamente profetiche,dei due giudici ritratti insieme,accumunati dalla stessa,limpida determinazione.
    La Regina…inarrivabile.E chissà non rivivesse in cuor suo,gli anni di terrore in Irlanda,compresa la morte di Lord Mountbatten.

    "Mi piace"

    • Furono giorni terribili, un attacco allo stato grave quanto il rapimento e l’assassinio di Moro. La Regina, come dici tu, inarrivabile, e forse forgiata dai tanti lutti e le tante sciagure vissute privatamente e pubblicamente, dato che nella sua vita i due aspetti sono indissolubilmente legati.

      "Mi piace"

  4. Chiedo scusa per l’appunto che in altre circostanze non avrei fatto,soffro di deformazione professionale…:c’è un errore nel titolo di questa ‘memoria’ che adesso come allora,brucia.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...