La foto del giorno

È avvenuto due giorni fa ma si continua a parlarne anche da noi, e dunque è giusto che anche Lady Violet se ne occupi, prendendo come spunto una bella foto. queen elizabeth women's instituteMa cos’è accaduto? Due giorni fa Sua Maestà ha partecipato al Sandringham Women’s Institute Meeting, che celebrava il suo centenario. Con un cappottino doppio petto di un azzurro che evoca già la primavera, la Sapphire Chrysanthemum Brooch appuntata sulla spalla sinistra e il capo scoperto, la sovrana ha colto l’occasione per un breve discorso, estremamente pacato ma straordinariamente politico:

Reflecting on a century of change, it is clear that the qualities of the WI endure. The continued emphasis on patience, friendship, a strong community focus, and considering the needs of others, are as important today as they were when the group was founded all those years ago. As we look for new answers in the modern age, I for one prefer the tried and tested recipes, like speaking well of each other and respecting different points of view; coming together to seek out the common ground; and never losing sight of the bigger picture. To me, these approaches are timeless, and I commend them to everyone

(Riflettendo su un secolo di cambiamento, mi sembra evidente il perdurare dei valori che ispirano il Women’s Institute. Il continuo risalto dato alla pazienza, all’amicizia, all’obiettivo di una comunità forte, e alla considerazione dei bisogni altrui è importante oggi quanto lo era alla fondazione dell’associazione, tanti anni fa. Mentre cerchiamo nuove risposte per l’età moderna, per quanto mi riguarda io preferisco le ricette già sperimentate: parlar bene gli uni degli altri, rispettare i punti di vista diversi, venirsi incontro per individuare un terreno comune, non perdere di vista il quadro generale. Credo che quest’impostazione sia senza tempo, e la raccomando a chiunque)

Tutti gli osservatori ritengono che la Regina abbia voluto riferirsi alla Brexit, e non è escluso che nei prossimi giorni altri senior royals – in particolare il Principe del Galles e il Duca di Cambridge – tornino sull’argomento.

Da parte mia due piccole osservazioni: mi piace molto che il discorso sia stato fatto nella sede di un’associazione femminile (anche se il Primo Ministro donna che sta trattando per la Brexit non se la sta cavando benissimo), e mi piace moltissimo la forza rivoluzionaria di un approccio mediato dall’esperienza e dalla consapevolezza nella ragion d’essere di una comunità, su cui farebbe bene anche a noi riflettere un po’.

Un vero grande capo di stato, altro che vecchietta coi cappellini buffi che va in giro a stringere mani.

Se volete vedere il suo arrivo all’associazione, curtsy compresi, questo è il breve video https://www.youtube.com/watch?v=1YIumBOlavY

Diamonds are a girl’s best friends

Mi sono accorta di aver lasciato in sospeso un’informazione, e questo non va bene! Per cui ecco il necessario aggiornamento.

Vi ricordate che un paio di mesi fa avevamo parlato di un diamante rosa da 18,96 carati, il Pink Legacy, venduto da Christie’s in un’asta a Ginevra lo scorso 13 novembre? ( La foto del giorno – 14 novembre ). E vi ricordate che qualche giorno dopo vi avevo annunciato un’ulteriore vendita all’asta organizzata sempre da Christie’s, ma questa volta a New York, dove sarebbe stato messo in vendita un rarissimo diamante blu – che a molte di voi era piaciuto più di quello rosa – del peso di 8,08 carati? ( La foto del giorno – 17 novembre ). Bene, se del primo conoscevamo già il prezzo di vendita raggiunto, 50 milioni di dollari, del secondo non vi avevo detto più nulla. Eccomi dunque a colmare la lacuna: il diamante blu, soprannominato il Sacro Graal dei diamanti, è stato venduto a 12,5 milioni di dollari. Che considerando la stima iniziale tra i 13 e i 18 milioni di dollari in definitiva è stato un affare. La prossima volta per favore non ci distraiamo, sennò ci facciamo scappare queste belle occasioni da sotto il naso!