Due addii

Mercoledì 21 è morta ad Amman la principessa Dina bint ‘Abd al-Hamid, prima delle quattro mogli di Re Hussein di Giordania e madre della maggiore dei suoi figli, la principessa Alia. Donna notevole, bella e colta, nata al Cairo nel 1929, dopo essersi laureata in Inghilterra insegnava all’università della capitale egiziana quando sposò il giovanissimo re hashemita, suo lontano cugino. Era il 1955, l’anno seguente il matrimonio era già finito, a causa delle insanabili divergenze tra i coniugi (e tra Dina e la suocera, che esercitava grande influenza sul figlio appena ventenne, e probabilmente temeva di venire oscurata dalla nuora). Col divorzio perse il titolo di regina ma mantenne il trattamento di Altezza Reale, anche quando si risposò con un dirigente dell’OLP più giovane di lei di 13 anni, di cui ottenne la liberazione con un’efficace azione diplomatica quando anni dopo fu arrestato dagli Israeliani. Princess Dina of Jordan funeralQuesta donna così interessante, madre di una figlia femmina, secondo l’uso islamico è stata accompagnata nel suo ultimo viaggio dai soli uomini della famiglia, in testa il figliastro Re Abd Allah. È una cosa che mi ha colpito molto: armonizzare l’aspetto privato e quello pubblico del lutto non è sempre facile, e forse neanche possibile.

Nello stesso giorno, giovedì 22, in Olanda si sono celebrate le esequie della principessa Christina. Di lei abbiamo parlato in occasione della scomparsa ( La foto del giorno – 16 agosto ); per suo espresso desiderio al suo funerale banditi gli abiti neri, e tutti i partecipanti (i figli, le tre sorelle e i nipoti) portavano un fiore. funeral-of-princess-christinaSulla bara un cuscino dei girasoli che amava tanto; gerbere gialle per i figli Nicolás Juliana e Bernardo funeral-of-princess-christina-childrenfiori sugli abiti delle tre sorelle: la ex regina Beatrix, Irene e Margriet col marito Pieter van Vollenhoven) funeral-of-princess-christina-sistersgerbere colorate per i tanti nipoti; sui volti di tutti un dolore grande anche se composto, ma in un clima sereno, alleggerito dalla cupa formalità del nero.

Armonizzare l’aspetto privato e quello pubblico del lutto, dicevamo; in questo caso ci ha pensato Christina, il suo ultimo regalo alle persone amate.

Le foto del giorno – 24 agosto

Questa mattina El Rey Emerito Juan Carlos ha subito un intervento chirurgico già programmato: l’inserimento di tre bypass coronarici. Tutto è andato nel migliore dei modi, e l’ottantunenne ex sovrano si trova al momento nell’Unità di Terapia Intensiva Cardiologica della clinica Quirón de Pozuelo, nell’area metropolitana di Madrid, dov’è stato eseguito l’intervento. juan carlos-clinicaJuan Carlos si era ricoverato ieri sera; ai giornalisti che ne aspettavano l’arrivo è sembrato tranquillo e col morale alto (e vi prego di notare lo chic di quel polsino). Oggi in tarda mattinata sono arrivati moglie e figlio, a bordo di un’auto guidata da Felipe. felipe-sofia-clinicaQuando ho visto la Reina Emerita con quel completino (e quelle espadrillas) confesso, ho pensato male. Considerando quante ne ha sopportate la santa donna, m’è venuto in mente che abbia accarezzato l’idea di far venire un infarto al marito, abbondantemente fedifrago e pure dotato di un cattivo carattere. Troppo cattiva? Va bene, come si dice, better luck next time (cioè”andrà meglio la prossima volta”, ma in inglese sembra più elegante).

Nel corso degli anni Juan Carlos è passato sotto i ferri molte volte, spesso a causa di incidenti sportivi, da cui si è sempre ripreso perfettamente. Un’occasione però ha avuto conseguenze pesanti, e non solo a livello fisico: nel 2012, mentre la Spagna era attanagliata da una grave crisi economica, El Rey se ne andò in Botswana in dolce compagnia, per cacciare elefanti. Sciaguratamente scivolò e si fratturò l’anca in tre punti, per cui fu rimpatriato e operato d’urgenza; i suoi sudditi scoprirono così la scarsa partecipazione emotiva del sovrano alle loro difficoltà, e non ne furono contenti. La Reina, umiliata pubblicamente, preferì proseguire la vacanza in Grecia con i fratelli, e non si fece vedere al capezzale dell’infermo. Ora sembra che i rapporti tra gli anziani coniugi siano migliorati, ma fossi in Sofía non rinuncerei a qualche tocco di delicata perfidia, anche più pesantino di un completo pantaloni da infarto.