2018 A Royal Year – 12 mesi in 12 foto

In giugno sono accadute molte cose. Innanzi tutto è nato Lady Violet’s Sofa – la data scelta lunedì 11, giorno in cui mio padre avrebbe festeggiato il compleanno – e poi il Trooping Colour, favoloso as usual con la novità dell’arrivo della Duchessa di Sussex, e la Cerimonia dell’Ordine della Giarrettiera a Windsor, e Ascot con la sua marea di cappelli, e in più il battesimo di una nipotina di sovrani di Svezia.

Urdangarin en prisionLa Spagna ha però assistito a qualcosa che si vede di rado: l’ingresso in prigione di un membro (ora allontanato) della famiglia del re, capitolo finale di quello scandalo Nóos, che ha rischiato di avere conseguenze devastanti sulla stessa Corona. E così in una mattina di giugno, fallito il ricorso alla Suprema Corte, Iñaki Urdangarin già campione di pallamano, già atleta olimpico, già Duca di Palma de Mallorca in qualità di marito amatissimo della Infanta Cristina (che ha rischiato grosso pure lei) deve andare in carcere, dove sconterà una condanna a cinque anni e dieci mesi – e secondo molti gli è andata pure bene – (noi ne abbiamo parlato qui News – Diventa esecutiva la condanna di Iñaki Urdangarin ).

Incapaci di comprendere a fondo le ragioni di questa follia (a parte la solita avidità e probabilmente la falsa certezza di essere intoccabili) chiudiamo l’anno con una notizia non bella. Domani apriremo il nuovo con una piena di gioia, più un piccolo regalo per augurarvi buon anno.

Dunque, come diceva mia madre, buona fine e miglior principio! Noi ci vediamo qui, domani.