La foto del giorno – 6 febbraio

Oggi per Queen Elizabeth II è l’Accession Day, il giorno in cui è salita al trono, 68 anni – cioè 816 mesi, o 3.548 settimane, o 24.837 giorni – fa. Come da tradizione non sono mancate le salve di cannone sparate alla Tower of London e a Green Park, e le campane di Westminster Abbey hanno suonato in omaggio alla sovrana. Che solitamente trascorre la giornata a Sandringham, dove il padre tanto amato morì nelle prime ore del 6 febbraio 1952, mentre la giovane principessa era in Kenya col marito Philip per un royal tour (qui la storia di quel giorno A Royal Calendar – 6 febbraio 1952 ). the queen back in London from KenyaLa foto di oggi mostra la coppia al rientro dal Kenya mentre si dirige a Clarence House, dove viveva all’epoca (oggi è la residenza di Charles e Camilla). Sulla spalla sinistra della nuova regina spicca la prima di una serie infinita di spille che in tutti questi anni sono diventate una cifra caratteristica delle sue mises. È la Rhodesian Flame Lily. brooch rhodesian flame lily

Nel 1947 Re George VI compì un viaggio ufficiale in Africa meridionale insieme con moglie e figlie. La primogenita Elizabeth festeggiò il ventunesimo compleanno proprio durante il tour, e tra i doni che ricevette c’era anche questa elegantissima a spilla in diamanti, che raffigura il fiore nazionale della Rhodesia.  Il regalo era stato offerto dai 42.000 scolari del paese, che furono invitati a partecipare offrendo qualche moneta della loro paghetta. Anche la principessa Margaret ricevette una spilla simile, così come sua madre la regina; quest’ultima è stata ereditata da Her Majesty, che dunque ora ne ha due praticamente uguali.

4 pensieri su “La foto del giorno – 6 febbraio

  1. Io adoro la flora e la fauna in tutte le sue infinite declinazioni, adoro di conseguenza i gioielli a tema che ripetono fedelmente la bellezza della natura. Bella questa riproduzione del genere Gloriosa fedele all’originale con i petali scompigliati. D’altra parte gli inglesi sono dei romanticoni per quel che riguarda il giardinaggio. I nomi dei fiori sono spesso commoventi: gloria del mattino (ipomea), i guanti della volpe (digitale), la groppa dell’orso (acanthus). Ricamano pure fiori con precisione botanica sui veli da sposa.
    Ecco perché sono una loro fan

    "Mi piace"

    • Che nomi meravigliosi, non li conoscevo, grazie! Anch’io più passa il tempo più mi appassiono a questo mondo, e mi piacerebbe molto avere un giardino, anche se ne capisco abbastanza poco. E mio padre era pure laureato in agraria…

      "Mi piace"

      • Donna Marella Agnelli disse che non c’era stata sofferenza che un giardino non avesse potuto lenire. Sono sostanzialmente d’accordo anche se devo dire che nel suo caso erano dei parchi con i migliori architetti del paesaggio a disposizione.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...