Breaking News! – Le notizie che piacciono a noi

C’è un modo migliore di iniziare la settimana di un fidanzamento? Domanda retorica, certo che no! Ed ecco a voi les amoureux: Alexandra di Lussemburgo e Nicolas Bagory.

L’annuncio oggi dalla Corte granducale, che ci informa che lo sposo è nato l’undici novembre 1988 ed è cresciuto in Bretagna. Dopo gli studi in scienze politiche e lettere classiche si occupa oggi di progetti sociali e culturali, il che ne un unicum in un mondo di broker banchieri e finanzieri. Alexandra di anni ne ha 31, e un bel curriculum: ha studiato psicologia e scienze sociali negli USA, si è laureata a Parigi in filosofia – con particolare attenzione a antropologia e temi etici – e ha conseguito un master in studi interreligiosi al Trinity College di Dublino. Non manca uno stage all’ONU, che è un po’ un classico dei giovani royals.

Nonostante abbia solo 34 anni, lo sposo sfoggia una capigliatura quasi completamente bianca, e quell’aria di leggera sofferenza che Lady Violet tanto amava quando aveva gli anni di Alexandra.

Le nozze sono previste in primavera, probabilmente tenendo conto anche dell’arrivo del secondo bebè degli eredi al trono, fratello maggiore e cognata della sposa. Lady Violet già assapora la rigidità commossa ed elegante di Henri mentre accompagna la figlia all’altare, e naturalmente Maria Teresa in versione mère de la mariée. Non so immaginare come vestirà la sposa, che finora non si è caratterizzata come style icon, ma mai dire mai. E lo sposo, avrà sulla manica lo stesso esagerato numero di bottoni di oggi? Non ci resta che aspettare.

Il caffè del lunedì – 7 novembre 22

Questa è la settimana di The Crown 5, che arriva su Netflix mercoledì. È la prima stagione girata dopo la morte di Philip, e naturalmente la prima visibile dopo la morte di Queen Elizabeth (domani saranno passati esattamente due mesi).

Si racconteranno gli anni Novanta, a partire da quel 1992 che inizia più o meno lietamente come quarantesimo anno di regno e finisce come annus horribilis, per la rottura definitiva tra Charles e Diana e l’incendio che distrugge un’ala di Winston Castle.

Il giudizio divide chi ha avuto occasione di vedere la nuova stagione in anteprima: alcuni l’hanno trovata solo brutta, altri francamente terribile. L’accusa più diffusa quella di aver rimestato inutilmente nel torbido -raccontando ad esempio i presunti tradimenti di Philip – e aver trasformato vicende complesse e per alcuni versi tragiche in un fumettone, una sorta di Crowntiful. A uscirne peggio, neanche dirlo, Charles, allora Prince of Wales e da due mesi King Charles III, che però almeno è interpretato da un attore figo, Dominic West. Il cast, stellare come si dice in questi casi, è per me la grande incognita: Imelda Staunton che offre la propria testa alla corona della sovrana, Jonathan Pryce che è il fedifrago Philip potrebbero aggiungere spessore alla narrazione o fare la foglia di fico e rendere decente qualcosa che di suo non lo sarebbe. Temo la seconda. Alla richiesta di specificare che non di documentario di tratta, ma di opera di fantasia, Netflix ha risposto ni, accettando di aggiungere una nota non all’inizio degli episodi ma sui titoli di coda, come se li leggesse qualcuno.

Vedremo, e credo proprio ne parleremo ancora. Buona giornata, caffè!